I Falchi della Squadra Mobile hanno arrestato un uomo perché ritenuto presunto responsabile di tentata rapina impropria. I poliziotti della Squadra Volante sono intervenuti, nella giornata di ieri, per la segnalazione giunta alla Sala Operativa della Questura 113 di un tentato furto su auto e conseguente colluttazione tra il proprietario e il presunto malvivente.

Il richiedente, un uomo di 78 anni, che al momento dell’arrivo della pattuglia era ancora fortemente agitato, ha raccontato ai colleghi che, poco prima, aveva parcheggiato la sua autovettura con i finestrini aperti per l’eccessivo caldo e di essere sceso per trovare refrigerio all’ombra poco distante dal veicolo.

Dopo poco, accorgendosi di un uomo che si intrufolava nell’abitacolo dell’automobile dal finestrino nel tentativo di rubare qualcosa, l’anziano si è fatto avanti per farlo desistere, ma ne è nata una colluttazione.

Il giovane si è dato a precipitosa fuga, facendo perdere le sue tracce, mentre l’anziano ha chiesto l’ausilio delle Forze dell’Ordine al 113. La descrizione dettagliata e il successivo riconoscimento fotografico del presunto autore del reato da parte 78enne, ha consentito agli investigatori di mettersi sulle sue tracce.

Sul posto è intervenuta anche una pattuglia del Falchi della Squadra Mobile che ha intercettato il sospettato non molto distante dal luogo in cui era avvenuta la colluttazione e lo ha fermato per un controllo.

Trasmessi gli atti all’Autorità Giudiziaria competente per la convalida, il giovane, un 29 enne tossicodipendente con numerosi precedenti specifici, è stato tratto in arresto per il presunto reato di tentata rapina impropria ed associato alla locale Casa Circondariale di Taranto.