Taranto (Ita) 15 11 2018 Ad oggi l'azienda conferma di essere determinata a spegnere Taranto mentre i Commissari del Governo, dopo dieci giorni dall'atto di citazione, non hanno ancora depositato il ricorso cautelare d'urgenza (ex art. 700) contro la richiesta di recesso di ArcelorMittal. Ricorso che potrebbe permettere al Giudice di bloccare lo spegnimento. Ilva immagini di repertorio, foto del 2012 FOTOGRAFIE DI ANSA/DONATO FASANO , nella foto: Fabbrica Ilva

In due reparti del siderurgico ArcelorMittal di Taranto ci sono “evidenti punti di usura sulle lamiere di copertura all’interno del capannone e teli di contenimento delle acque piovane non idonei a coprire le parti consumate”. Lo ha denunciato all’Asl (Servizio prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro-Spesal) il coordinamento provinciale dell’Unione sindacale di base (Usb). Le criticità riferite riguardano il reparto Decatreno 1 (in entrata) e Decatreno 2 in zona Vasche Acido.

Secondo il sindacato di base, è “attuale il rischio di caduta dall’alto di frammenti di lamiera: per questo chiediamo un celere ed efficace intervento dello Spesal, al fine di garantire la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori”. “Si tratta – osserva l’Usb – di irregolarità evidenziate più volte nel corso degli ultimi anni, ma mai sanate. Manifestiamo grande preoccupazione per l’incolumità di chi presta regolarmente la propria attività lavorativa in quel reparto”.