La condanna a 20 anni di carcere per due giovani di 19 anni e un 23enne accusati di aver partecipato alle aggressioni ai danni del pensionato di 66 anni Manduria Cosimo Antonio Stano, morto il 23 aprile del 2019, è stata chiesta nel processo con il rito abbreviato in corso dinanzi al gup del tribunale di Taranto Vilma Gilli.

I tre, in base all’accusa sostenuta dal pm Remo Epifani, rispondono in concorso e a vario titolo dei reati di tortura aggravata dalla sopraggiunta morte, lesioni personali, percosse, molestie, furto, sequestro di persona e violazione di domicilio.