“Controllo Integrato del Territorio”, servizi straordinari della Polizia di Stato e Locale di Taranto

“Controllo Integrato del Territorio”, servizi straordinari della Polizia di Stato e Locale di Taranto

Sotto sequestro 9 moto, 2 caravan e 5 autoveicoli per assenza di assicurazione

Servizi straordinari del territorio in zona Paolo Sesto e Talsano, nell’ambito del progetto “Controllo Integrato del territorio”, predisposti dalla Questura di Taranto e dalla Polizia Locale del capoluogo.

Nel Quartiere Paolo VI, in via della Liberazione, il personale del Commissariato Borgo, in collaborazione con il Reparto Mobile di Taranto e la Polizia Locale, è stato impegnato in un’assidua e stringente attività di controllo su autoveicoli e motoveicoli, molti dei quali abbandonati per strada. Sono stati posti sotto sequestro 9 moto, 2 caravan e 5 autoveicoli per assenza di assicurazione, mentre 3 auto e 2 Apecar sono state conferite alla ditta specializzata per effetto dell’applicazione del Decreto Ronchi.

Inoltre, è stata demolita una struttura abusiva, al momento vuota, ma che spesso veniva utilizzata come luogo di ritrovo di alcuni abitanti della zona, soprattutto nelle serata dell’appena trascorso periodo estivo.

Nella zona di Talsano, il Commissariato Borgo, sempre insieme ad Reparto Mobile di Taranto ed alla Polizia Locale, ha demolito, nei pressi dell’Iper Famila di Viale Europa, una tettoia realizzata con onduline coibentate con montanti in sostegno in ferro a copertura di uno spazio pubblico, occupato abusivamente da un ambulante di frutta e verdura che era stato già oggetto di controllo nei giorni scorsi.

Nei confronti del soggetto, titolare di una licenza per vendita in forma ambulante, che invece la esercitava in maniera fissa, è stata comminata la sanzione per la vendita di prodotti ortofrutticoli in una zona vietata perché Viale Europa rientra tra le aree in cui è assolutamente vietato il commercio anche in forma ambulante e la sanzione per l’occupazione di suolo pubblico da regolamento urbano.

Contestualmente, è stato elevato anche il verbale di allontanamento e di diffida a non proseguire l’attività in maniera non conforme alle prescrizioni legate alla licenza di cui è titolare.

In via Mediterraneo, è stata contestata l’occupazione di suolo pubblico nei confronti di un altro venditore ambulante, per aver violato le disposizioni in materia di commercio ambulante. Nei suoi confronti, è stato emesso anche l’ordine di allontanamento e di diffida a proseguire l’attività in maniera illegittima.