ArcelorMittal, operaio ustionato da un getto d’acqua bollente

ArcelorMittal, operaio ustionato da un getto d’acqua bollente

Non è in pericolo di vita. Avviate le verifiche dello Spesal dell’Asl e dell’azienda

Un operaio di 43 anni dello stabilimento ArcelorMittal (ex Ilva) di Taranto ha riportato ustioni di primo e secondo grado agli arti inferiori e ai genitali dopo essere stato investito da un getto d’acqua bollente mentre staccava tubi di raffreddamento da una valvola nell’area dell’Altoforno1. L’operaio, soccorso da personale dell’infermeria dello stabilimento, è stato trasportato all’ospedale Santissima Annunziata di Taranto. Dall’Azienda sanitaria locale si apprende che è prossimo il trasferimento del paziente in un Centro Grandi Ustioni. Al momento non è considerato comunque in pericolo di vita. Accertamenti sono stati avviati dallo Spesal (Servizio prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro) dell’Asl per accertare dinamica e responsabilità. Anche l’azienda ha avviato le verifiche per comprendere le cause dell’infortunio.