I militari della Compagnia Carabinieri di Castellaneta hanno arrestato, in flagranza di reato, un 23enne di Gravina in Puglia, presunto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’Arma, da sempre impegnata in servizi h24 di controllo del territorio, con particolare attenzione ai luoghi di aggregazione, conserva una sensibilità particolare rispetto al problema dell’uso di droghe tra i giovani anche in provincia di Taranto e, in particolare, nelle zone dove sono presenti i più importanti locali notturni. Proprio in una discoteca del litorale di quella zona, sarebbe stato sorpreso il giovane, intento a cedere una dose di “MDMA”, droga semisintetica meglio nota con il nome di “ecstasy”, la cui assunzione anche sporadica, come noto, può provocare effetti gravissimi sull’organismo.

La successiva ed accurata perquisizione personale ha consentito ai militari dell’Arma di trovare ulteriori 30 dosi di sostanza stupefacente dello stesso tipo, indosso al 23enne. L’arrestato aveva con sé anche una somma, in contanti, di circa 300 euro, che è stata sequestrata, poiché presumibilmente relativa agli “incassi” dovuti alla vendita della droga.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, il giovane, fatta sempre salva la presunzione di innocenza, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, in attesa di giudizio di convalida.

Nel corso del medesimo servizio, è stato segnalato alla Prefettura di Taranto, quale assuntore di sostanze stupefacenti, un giovane trovato in possesso di due dosi di MDMA ed altrettante di hashish.