Home Sport Basket, lo spagnolo Casanova alla corte del CJ

Basket, lo spagnolo Casanova alla corte del CJ

Guardia con esperienza nella Ncaa

Ha vissuto anche un’esperienza statunitense nella Ncaa, il classe ’93 Rafael Casanova, nuovo innesto scelto dalla dirigenza del CJ Taranto per il torneo di Serie B nazionale. L’esterno spagnolo si aggiunge al roster messo a disposizione del tecnico Mario Cottignoli, che comprende il pivot senegalese Elhadji Thioune, capitan Gianmarco Conte, il play Luca Valentini, la guardia Lucas Fresno, il play/guardia Giovanni Ragagnin, l’ala-centro Matteo Ambrosin, l’ala-pivot Marco Lusvarghi e la guardia-ala Francesco Reggiani.

Rafael Casanova è nato il 22 ottobre 1993 a Coria del Rio, un comune spagnolo di Siviglia in Andalusia. È un ala di 194 cm di altezza. La sua formazione cestistica, dopo gli inizi nelle giovanili locali, si è forgiata negli Stati Uniti. Casanova si è laureato al Florida Institute of Technology nel 2017 e parallelamente ha giocato per Florida Tech nel campionato Ncaa. Quindi il ritorno in Spagna dove ha cominciato la sua carriera da professionista giocando sempre ad alti livelli e con buone medie nella Leb Silver, la terza serie (equivalente alla nostra serie B Nazionale), a Ponferrada, Plasencia, Zornotza, Carbajosa. Nel 2021-22 ha giocato ancora una volta con buoni numeri nella Leb Gold, equivalente della A2, con Penas Huersca dove in 33 partite ha segnato 9.4 punti di media, 1.9 rimbalzi e 1.2 assist. La scorsa stagione successiva l’ha cominciata ancora in Leb Gold a Oviedo, per poi tornare in Silver con la canotta di Sant Antoni.

 «Erano diversi anni che desideravo giocare in Italia e quando si è presentata questa opportunità non ho dovuto pensarci troppo. Ho sentito parlare bene del CJ e di Taranto e non vedo l’ora che inizi la stagione» ha commentato. «Mi considero un giocatore versatile, mi piace essere in grado di fare tutto in campo e ho lavorato per molti anni per essere in grado di contribuire in diversi aspetti del gioco. Penso di essere un giocatore che può segnare in molti modi diversi e può anche creare gioco per i miei compagni» ha aggiunto.

«Vengo a Taranto con molto entusiasmo, e penso che quando si fanno le cose con entusiasmo possono venirne fuori cose molto belle. Non vedo l’ora di conoscere i tifosi e di vedere l’atmosfera che si respira durante le partite in casa. Sarà un’esperienza che mi arricchirà».

Exit mobile version