Polizia di Stato: Controlli straordinari del territorio per il contrasto alla prostituzione

Il personale del Commissariato di Manduria ha denunciato un anziano per il presunto
reato di ricettazione in quanto nascondeva, ben occultato, un furgone rubato all’interno della sua proprietà nell’agro di Manduria.

I colleghi del Commissariato di Manduria sono intervenuti per la segnalazione giunta
alla Sala Operativa della Questura 113 della presenza di un veicolo rubato, preso a noleggio, all’interno di un podere, così come indicato dal sistema satellitare GPS installato sul mezzo.

Giunti sul posto, gli agenti si sono resi conto che le coordinate fornite dall’Istituto di
Vigilanza che aveva contattato poco prima la Sala Operativa, conducevano all’interno di un
terreno aperto in cui non vi era nulla di quanto segnalato, ma di pertinenza di un’abitazione
limitrofa.

I poliziotti sono riusciti a intravedere, da una feritoia del muro della predetta proprietà, che all’interno della stessa, occultato dal muro e da un telo di colore verde, vi era un veicolo che corrispondeva alla descrizione fornita del mezzo rubato.

I colleghi hanno deciso fare un controllo e pertanto, hanno preso contatti con il proprietario dell’abitazione, persona già nota agli operanti, che, dietro loro richiesta, ha mostrato il veicolo in questione.

Da una sommaria ricognizione, gli agenti hanno notato che il mezzo presentava il
blocco-sterzo manomesso, così come anche il nottolino di avviamento e l’impianto elettrico.

Alla richiesta di spiegazioni dei poliziotti, l’uomo ha riferito che il mezzo era stato portato nella sua proprietà da un suo amico del quale, però, non sapeva fornire le generalità.

Trasmessi gli atti all’Autorità Giudiziaria competente, l’anziano è stato denunciato
perché presunto responsabile del reato di ricettazione. Il mezzo è stato recuperato ed affidato in giudiziale custodia in attesa di essere restituito al legittimo proprietario.