Via ai lavori per la copertura dei parchi minerari Ilva

Via ai lavori per la copertura dei parchi minerari Ilva

Sarà la seconda struttura più grande al mondo. Consegna prevista per il 2020

E’ stato inaugurato da qualche giorno il cantiere per la copertura dei parchi minerari dell’Ilva di Taranto. Un’opera di proporzioni mai viste in Italia e la seconda al mondo dopo il Century Global Center di Chengdu, in Cina.

L’enorme capannone sarà lungo 700 metri, largo 254 e alto 77 metri: servirà a coprire l’accumulo di materiali ferrosi utilizzati dall’Ilva e dunque a limitare, per quanto possibile, che le polveri raggiungano con il vento le vicine case del quartiere Tamburi.

I lavori, affidati alla ditta friulana Cimolai – la stessa che ha realizzato la cupola sul vecchio reattore di Chernobyl – sono partiti proprio dal lato più vicino a Tamburi e si sposterà piano piano in parallelo su due binari mobili sui quali verrà realizzata la copertura ad arco. Sono circa 200 gli operai al lavoro ogni giorno e la fine dei lavori da 300 milioni di euro è prevista per il 2020.